“Uomo impoverito”: la relazione sociale come condizione del riconoscimento