Il «Liber marescalcie» di Giordano Ruffo: un consuntivo tra filologia e linguistica