«Ricreare gli occhi con la varietà , pascer l’intelletto…dar gusto al palato». L’arte del convivio nelle corti italiane tra il 1630 e il 1670