La parvenza del soggetto. Sulla concezione hegeliana del ritratto