Tra (parziale) de-islamizzazione e (tentata) (re-)islamizzazione del diritto: un difficile esperimento di (teo-)democrazia