Gaetano Salvemini: tra storiografia e democrazia politica