Ricoeur con Aristotele, Bergson e Deleuze: la vita come immagini in movimento