Il diritto tra invalicabilità dei suoi limiti e valicabilità delle sue frontiere