Il "De medicina equorum" di Giordano Ruffo. Tradizione romanza e spunti lessicali