Adolf Reinach (1883-1917), filosofo e giurista, allievo di Edmund Husserl, applicò il metodo fenomenologico allo studio del diritto. In coerenza con tale impostazione speculativa, ricercò gli elementi invarianti, pre-normativi del diritto positivo. La sua opera più importante, I fondamenti a priori del diritto civile (1913), indaga i fattori essenziali del diritto delle obbligazioni. Ma già nella sua dissertazione di laurea, Sul concetto di causa nel diritto penale vigente (1905), è possibile rintracciare – sia pure in forma non dispiegata – il problema che caratterizzerà in modo eminente il suo successivo pensiero: quello degli a priori giuridici. Oltre a questo primo scritto, sono qui tradotti gli ultimi appunti che Reinach redasse sul fronte della prima guerra mondiale, dove trovò la morte a soli 34 anni. L’oggetto della sua riflessione, negli appunti, è completamente mutato: è l’esperienza religiosa – ora – ad occuparlo, in una ricerca insieme fenomenologica ed esistenziale del senso stesso della finitezza umana e dell’apertura all’Assoluto.

Sul concetto di causa nel diritto penale vigente,1905 (Über den Ursachenbegriff im geltenden Strafrecht, 1905). Appunti, 1916-1917 (Aufzeichnungen, 1916-1917) di Adolf Reinach

SIMONELLI, Maria Ausilia
2016

Abstract

Adolf Reinach (1883-1917), filosofo e giurista, allievo di Edmund Husserl, applicò il metodo fenomenologico allo studio del diritto. In coerenza con tale impostazione speculativa, ricercò gli elementi invarianti, pre-normativi del diritto positivo. La sua opera più importante, I fondamenti a priori del diritto civile (1913), indaga i fattori essenziali del diritto delle obbligazioni. Ma già nella sua dissertazione di laurea, Sul concetto di causa nel diritto penale vigente (1905), è possibile rintracciare – sia pure in forma non dispiegata – il problema che caratterizzerà in modo eminente il suo successivo pensiero: quello degli a priori giuridici. Oltre a questo primo scritto, sono qui tradotti gli ultimi appunti che Reinach redasse sul fronte della prima guerra mondiale, dove trovò la morte a soli 34 anni. L’oggetto della sua riflessione, negli appunti, è completamente mutato: è l’esperienza religiosa – ora – ad occuparlo, in una ricerca insieme fenomenologica ed esistenziale del senso stesso della finitezza umana e dell’apertura all’Assoluto.
978-88-495-2983-8
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11695/55442
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact