Alfonso Rubbiani, Edoardo Collamarini e il “compimento” della facciata di San Petronio a Bologna