Kant, Hegel e il dover essere: il diritto tra finito e infinito