Su un manoscritto di Nicola Fergola conservato alla Princeton University Library