L’esegesi di uno studio clinico ed anatomo-patologico del 1882 può fornire indizi della presenza di una sindrome di immunodeficienza acquisita nel passato