Costituzionalismo e multiculturalismo: diritto del potere o potere dei diritti?