LA GESTIONE DEL PAZIENTE A RISCHIO DI SUICIDIO