Anagni, Bonifacio VIII e i “suoi” palazzi