Una scenografia mancata: l’Arengario e la piazza Duomo a Milano negli anni Trenta