Quevedo e l'aristotelismo politico. A proposito delle relazioni di Moisés Gonzales e Robert Birely