Nel corpo dell’immagine italiana