Una "storiella vana" fra arte e anatomia