Il commercio equo e solidale tra autoregolamentazione ed eteronomia