Nelle pieghe del destruens. Brevi considerazioni sul referendum abrogativo e sul limite della funzione propositiva