“La più bella fra tutte e lavorata con vero sentimento di pittura”. Un appunto a partire dal Chronicon Vulturnense