Perché i cattolici non possono non dirsi liberali. Da uno spunto di riflessione di Sergio Cotta