L’art. 9 CEDU tutela la libertà religiosa, garantendo ad ognuno il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. La libertà di pensiero costituisce la premessa, perché significa libertà di formazione del pensiero e divieto di vincoli alla sua formazione. A fronte di ciò sta l’esigenza che l’ordinamento si astenga da qualsiasi pressione non toccando il momento della formazione del pensiero e della scelta della credenza in materia religiosa. In questo senso, i limiti all’esercizio della libertà religiosa, stabiliti dall’art. 9 CEDU, sono previsti a tutela di valori ritenuti inderogabili come l’ordine pubblico, la sanità pubblica, la morale pubblica, i diritti e le libertà fondamentali altrui.

Affermazione di principi in materia religiosa nella giurisprudenza delle Corti di Strasburgo e del Lussemburgo

Parisi Marco
2011-01-01

Abstract

L’art. 9 CEDU tutela la libertà religiosa, garantendo ad ognuno il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione. La libertà di pensiero costituisce la premessa, perché significa libertà di formazione del pensiero e divieto di vincoli alla sua formazione. A fronte di ciò sta l’esigenza che l’ordinamento si astenga da qualsiasi pressione non toccando il momento della formazione del pensiero e della scelta della credenza in materia religiosa. In questo senso, i limiti all’esercizio della libertà religiosa, stabiliti dall’art. 9 CEDU, sono previsti a tutela di valori ritenuti inderogabili come l’ordine pubblico, la sanità pubblica, la morale pubblica, i diritti e le libertà fondamentali altrui.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11695/12141
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact