Platone: la legge, al posto della pace