Commento al saggio di Francesco Tomatis