Commento al saggio di Giuseppe Lorini