Figli "diversi" di uno sport "minore"’: discriminazioni, attività agonistica e tutela dei diritti umani