Oltre la “non partecipazione”