Mito politico e morale dei produttori: il confronto con Georges Sorel