L’asse ovest-est, che idealmente collega i Campi Flegrei alle falde del Vesuvio, è una delle principali direttrici di trasporto sulle quali il Municipio di Napoli sta lavorando per lo sviluppo delle infrastrutture e per la riconfigurazione del paesaggio urbano. Il parco attrezzato nell’area dismessa di Bagnoli, le nuove stazioni della metropolitana collinare nel centro storico ed il progetto per il nuovo asse verde nella periferia orientale sono tre esempi che - lungo questa direttrice storica – consentono di affrontare il tema del rapporto tra le infrastrutture e la nuova immagine della città. La realizzazione del parco attrezzato a Bagnoli pone il problema del recupero di un’area industriale dismessa e della memoria del lavoro come strumento di valorizzazione del territorio; l’architettura delle stazioni della metropolitana stimola alcune riflessioni sui nuovi scenari urbani e sui nuovi modi di vivere nella città; l’asse verde richiama il tema della strada-belvedere per migliorare la viabilità e la qualità dell’ambiente di una periferia urbana. Il tema di fondo che sottende a queste riflessioni è la ricerca su un sistema di infrastrutture inteso come “ponte” tra la città del passato e la città del futuro.

Naples d'ouest en est: l'axe historique des grandes infrastructures de transport urbain

PARISI, Roberto
2009

Abstract

L’asse ovest-est, che idealmente collega i Campi Flegrei alle falde del Vesuvio, è una delle principali direttrici di trasporto sulle quali il Municipio di Napoli sta lavorando per lo sviluppo delle infrastrutture e per la riconfigurazione del paesaggio urbano. Il parco attrezzato nell’area dismessa di Bagnoli, le nuove stazioni della metropolitana collinare nel centro storico ed il progetto per il nuovo asse verde nella periferia orientale sono tre esempi che - lungo questa direttrice storica – consentono di affrontare il tema del rapporto tra le infrastrutture e la nuova immagine della città. La realizzazione del parco attrezzato a Bagnoli pone il problema del recupero di un’area industriale dismessa e della memoria del lavoro come strumento di valorizzazione del territorio; l’architettura delle stazioni della metropolitana stimola alcune riflessioni sui nuovi scenari urbani e sui nuovi modi di vivere nella città; l’asse verde richiama il tema della strada-belvedere per migliorare la viabilità e la qualità dell’ambiente di una periferia urbana. Il tema di fondo che sottende a queste riflessioni è la ricerca su un sistema di infrastrutture inteso come “ponte” tra la città del passato e la città del futuro.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11695/10974
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact