"La pappa paesana...". Genere, ceto e asimmetrie culturali in un romanzo di Fortunato Seminara