Per il cosiddetto “Alberto Sotio” e la pittura a Spoleto intorno al 1200: tradizioni dei modelli e alterità culturale