Lo scrittore,la stampa e la 'piazza' radiofonica