Fede in Dio e diplomazia contro la Shoah: il caso della Nunziatura di Budapest