Ripensando il ripensamento del pluralismo. Una risposta a Stefan Neubert