Il ‘dio generato da lungo tempo’ in greco e in vedico: poesia e immortalità