Alla luce della pandemia, in termini educativi e didattici, sono da ripensare i rapporti tra naturale e artificiale. Le categorie del paesaggio e del postdigitale offrono le modalità per nuove visioni e pratiche che evitano forme di sterile contrapposizione promuovendo anche, in relazione alle prassi di insegnamento, specifiche concezioni della corporeità, dello spazio e del tempo.

Educare al paesaggio. Educare la postdigitale

Bruni, F
2020

Abstract

Alla luce della pandemia, in termini educativi e didattici, sono da ripensare i rapporti tra naturale e artificiale. Le categorie del paesaggio e del postdigitale offrono le modalità per nuove visioni e pratiche che evitano forme di sterile contrapposizione promuovendo anche, in relazione alle prassi di insegnamento, specifiche concezioni della corporeità, dello spazio e del tempo.
978-88-6209-116-9
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11695/100485
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact